“Obiettivi” indispensabili

“Obiettivi” indispensabili

85 mm nikonOgnuno ha il suo modo di fotografare, c’è chi preferisce uscire con una sola lente per sentirsi più comodo, magari con uno zoom tuttofare, e chi invece sceglie di portarsi dietro solo ottiche fisse.

Ci sono gli amanti dei super zoom ingombranti e pesanti e chi esce solo con lenti pancake mettendo macchina e obiettivo dentro la tasca del giubbotto.

Stili di vita differenti che difficilmente possono convivere anzi, nella maggior parte dei casi, si passa da uno “stile” all’altro proprio per farla finita con un determinato genere di lenti che a lungo andare non si sopportano più.

Chi usa lenti pesanti dopo un po’ inizierà a volere solo ottiche piccole e leggere e viceversa.

In poche parole, non siamo mai contenti e viviamo sempre alla ricerca della lente perfetta.

Io sinceramente ho scelto le mie ottiche con il buon senso che contraddistingue ogni mio acquisto ovvero mi sono sempre auto-convinto della necessità di un corpo macchina o di un obiettivo solo dopo averne valutato le sue qualità.

Ogni volta che portavo a casa un obiettivo nuovo sapevo già bene lo scopo a cui destinarlo anche perché dopo averne cambiati diversi, mi sono convinto del fatto che ogni lente ha il suo “perché” altrimenti non l’avrebbero inventata. Siamo noi a dover decidere se, dove e quando utilizzare una lente al posto dell’altra e se vale la pena acquistarla.

28 mm nikonUna lente mediocre potrà farci scattate bellissime foto ma se caratterialmente siamo sempre alla ricerca della lente più nitida, più performante etc. difficilmente una lente mediocre potrà soddisfarci.

Ci starà sempre stretta al punto che inizieremo a detestare le fotografie (che magari saranno anche qualitativamente belle).

Io cerco sempre di scegliere con cura le mie lenti quando mi preparo lo zaino per le escursioni.

Scelgo di volta in volta, in base a cosa sto andando a fotografare cercando di bilanciare sempre il numero delle ottiche con il loro peso complessivo.

La comodità deve essere sempre privilegiata rispetto a tutto altrimenti la stanchezza si metterà di mezzo e non ci farà fare belle fotografie. Allo stesso tempo però non bisogna mai lasciare “troppa roba” a casa altrimenti passeremo la nostra escursione a rimpiangere per non aver portato questa o quella lente.

Per quel che mi riguarda, prima di una uscita, valuto sempre cosa potrebbero essere i miei possibili soggetti fotografici e il tempo dell’escursione e in base a questo decido cosa portare con me e cosa lasciare a casa.

Quando devo fare un’escursione rapida porto con me sono una o due lenti oppure, quando proprio non ho il tempo per decidere, ho uno zaino con la triade di zoom 2.8 sempre pronto all’uso.

Anche se in generale uso un pò di tutto, ci sono alcuno obiettivi (o meglio alcune focali) che amo in maniera particolare.

79Sto parlando del 28 mm e dell’85 mm (Nikon). Una volta provati, non se ne può più fare a meno. Ottiche del genere ti regalano sensazione uniche perché un ritratto con un luminoso 85 mm è qualcosa di magico così come fare del reportage con un 28 mm, non si può chiedere di meglio.

Cosa mi ha spinto ad acquistare questi obiettivi?

Mentre da un lato ero convinto al 100% del 85 mm per via della bellissima resa (che già conoscevo avendolo utilizzato in diverse occasioni), dall’altro ero totalmente indeciso se per la street photography prendere il 28 oppure il 35 mm.

Da sempre il 35 mm è l’ottica preferita da tutti i fotografi di reportage ma il fatto di possedere già una lente simile (il 50 mm) mi spingeva verso una focale diversa.

Per caso mi è capitato di provare il 28 mm e fu amore a prima vista.

Ricordo che dopo aver comprato questa lente per 4-5 mesi non l’ho staccata mai dal corpo macchina. Ogni uscita, portavo con me 2-3 lenti, ma alla fine utilizzavo soltanto il 28 mm.

Il fatto è che questo obiettivo ti permette di avere un campo visivo ampio per raccontare bene la scena intorno ai soggetti in primo piano della fotografia.

Una lente dai mille pregi e dai pochissimi difetti. La si può usare per i ritratti ambientati, per la street, per i paesaggi e volendo anche per le fotografie notturne.

Nella foto notturna di Piazza San Pietro, ricordo che stavo passeggiando tranquillo per le vie della capitale dopo una giornata in giro a fotografare le meravigliose vie del centro storico quando senza accorgermene, e mentre cercavo di smaltire la pesante cucina romana, attraversato il Tevere, mi ritrovai di fronte la Basilica, tutta illuminata dai colori della notte.

Nereide, ninfa del mareDentro una piccola borsetta a tracolla avevo la mia reflex con il 28 mm e un piccolo treppiede.

Ho posizionato la fotocamera per terra e telecomando alla mano ho scattato impostando i tempi a 1/8, il diaframma a F4 e gli ISO  a 200.

Ombre, luci, colori, tutto come lo avevano visto i miei occhi, tutto fedelmente riprodotto al punto che non ho proprio pensato di metterci mano in post-produzione.

Può piacere o non piacere ma giuro che quanto si vede non è nulla di più nè di meno di quanto hanno visto i miei occhi.

Un obiettivo del genere come fa a non piacere? Sarà stato un caso? Forse, ma spesso, scattando con questa lente che molti snobbano, mi è capitato di trovarmi davanti a situazioni del genere. Per me è promossa a pieni voti.

Una scelta che rifarei altre 100 volte e che consiglio a tutti coloro che voglio provare ad utilizzare gli obiettivi a focale fissa. Questa lente è onesta e non vi deluderà mai.

Sull’altra ottica, l’85 mm, c’è poco da dire, fantastica e un must per chi si cimenta in fotografia di ritratti.

La foto della modella in spiaggia è stata scattata proprio con un 85 mm ma piuttosto che utilizzare l’obiettivo per inquadrature particolari e più ravvicinate ho preferito fare qualche passo indietro e fotografare la ragazza per intero, sfruttando il bellissimo sfocato della lente. Anche in questo caso la post-produzione è stata minima soprattutto per preservare i colori freddi tipici del mare d’inverno che ben si accostano agli occhi azzurri della modella e al suo colorito chiaro.

In questa circostanza ho impostato i tempi a 1/1600 di sec. per poter utilizzare il flash e contrastare la forte luce del sole, il diaframma F2.0 per ottenere un gradevole sfocato alle spalle della modella e ISO 100.

Questa foto ha partecipato ad un contest e avevo pochissimo tempo per fotografare le modelle. Tra le altre cose era un concorso di moda quindi dovevo fare attenzione anche ad inquadrare abito, acconciatura, accessori etc.

Piuttosto che perdere minuti preziosi per cambiare di volta in volta obiettivo ho deciso di affidarmi solo ed esclusivamente al mio fedelissimo 85 mm che, magicamente, è riuscito a sfornare una foto del genere che si è piazzata al primo posto.

Anche in questo caso, non posso che consigliare questa lente fantastica e in accoppiata con il 28 mm già avrete già i “pezzi” più importanti del vostro parco ottiche (a cui aggiungerei soltanto un 14 mm giusto perché amo i paesaggi e potrebbe sempre servirmi  un grandangolo più spinto).

Giuseppe Tripodi
Altre pagine

Giuseppe Tripodi

Seguimi anche su at Instagram
Sono un avvocato ma anche appassionato di fotografia. Ho creato questo blog per condividere questa mia passione e spero, col tempo, di riuscire a pubblicare qualcosa di piacevole e originale.
Giuseppe Tripodi
Altre pagine

Latest posts by Giuseppe Tripodi (see all)

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...