Fotografare edifici abbandonati

Fotografare edifici abbandonati

11Personalmente mi piace molto “forzare” la post-produzione in quelle immagini di edifici abbandonati, dove il gioco di luce e ombra diventa veramente qualcosa di magico, che fa la differenza.

Ogni volta che mi capita di visitare luoghi in cui ci sono strutture del genere (e in Italia è pieno, specie fabbriche dismesse) non resisto, devo fare assolutamente qualche fotografia.

Mi piace trovare dentro questi posti, quasi sempre vandalizzati e decadenti, quegli oggetti integri, che nonostante tutto sono rimasti intatti, quasi come fossero “l’ultima resistenza” distaccata del fronte.

Nella prima fotografia, infatti, si può osservare che c’è una piccola lampada bianca intatta mentre tutto il resto è distrutto. In questa fotografia un’altra cosa che mi ha colpito è stata il gioco di luci e ombre.

12La luce che oltrepassa la finestra in fondo a destra e quella dell’entrata (da dove ho scattato) che si concentrano da due posizioni differenti fino a congiungersi davanti ad una misteriosa porta buia, invitando l’osservatore a pensare a cosa ci potrebbe essere dentro quella stanza.

In pratica, grazioso gioco di linee (in particolare quelle delle luci e delle ombre) e di contraddizioni (la lampada e il resto della stanza).

La seconda immagine è simile a quella appena descritta. Siamo sempre dentro quelle “figure morte” che raccontano, il disastro di una vita, il dramma dell’abbandono.

L’ho chiamata “Camera con vista” perchè anche in questo caso, le luci e le ombre si scontrano portando l’attenzione di chi la osserva da una parte all’altra della stanza fino ad arrivare a quel che resta di una vecchia poltrona che, nel disordine più totale della stanza, é orientata verso la finestra di fronte, come se fino a poco tempo prima qualcuno si fosse seduto li per osservare fuori.

IMG_1338Scene bellissime e misteriose, che mi affascinano, specie nel momento in cui mi metto davanti al computer per post-produrle.

Man mano che lavoro per realizzare la fotografia che ho in mente, vedo letteralmente dal nulla nascere qualcosa e quel luogo, disastrato e lasciato a morire, diventa qualcosa di vivo.

Se avete la possibilità di visitare luoghi come questi, fermatevi ad osservare bene cosa vi circonda (meglio ancora se conoscete la storia dei luoghi e i motivi per cui sono stati abbandonati) e poi perdete qualche minuto per scattare delle fotografie.

Sono convinto che, anche in questo caso, applicando una corretta post-produzione (es. giocando molto con luci e ombre, dando la giusta drammaticità alla fotografia e mettendo qualcosa sempre in primo piano) riuscirete a ottenere risultati interessanti.

Un consiglio che mi sento di darvi, proprio perché si tratta di luoghi abbandonati, fate molta attenzione, un passo falso e potrebbe crollare tutto. Divertitevi sì, ma non a rischio della vostra incolumità.

Provateci e fatemi sapere!!!

Seguitemi su Facebook oppure su Instagram

Di seguito alcune foto :

Giuseppe Tripodi
Altre pagine

Giuseppe Tripodi

Seguimi anche su at Instagram
Sono un avvocato ma anche appassionato di fotografia. Ho creato questo blog per condividere questa mia passione e spero, col tempo, di riuscire a pubblicare qualcosa di piacevole e originale.
Giuseppe Tripodi
Altre pagine

Latest posts by Giuseppe Tripodi (see all)

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...